Il nostro negozio no profit

Via San Felice, 4/B – Bologna

ORARI DI APERTURA
da lunedì al venerdì:  10-13 / 14.30-19.30
sabato: 10-13 / 15-19.30

CHIUSURA
giovedì pomeriggio e domenica

Diventa Sponsor del Punto vendita-informativo dell’Animalismo Solidale!

Leggi il nostro progetto come fare per aderire

Sembra ieri che ci apprestavamo ad allestire il primo banchetto di raccolta firme tra rabbia e disperazione con cartelloni e gadget improvvisati… ma sono trascorsi più di 5 anni da allora, un attimo, nella frenesia di un’attività appassionata, un’eternità per gli orsi torturati dietro quelle maledette sbarre.

Ancora  rabbia e disperazione, ma anche una moderata soddisfazione per avere, insieme a voi, conquistato un avamposto stabile per la denuncia della “banalità del male”.

Vi aspettiamo!

Visualizzazione ingrandita della mappa

condividi su

14 thoughts on “Il nostro negozio no profit

  • 26 novembre 2014 at 08:53
    Permalink

    Ieri sera, attraverso il Tg2, sono venuta a conoscenza delle torture che vengono inflitte a questi poveri animali. Sono ancora sconvolta dalle immagini e oggi ho deciso di diventare socia. Spero che questo piccolo gesto possa contribuire al sostegno dell’Associozione e che la voce di tanti possa sensibilizzare chi di dovere, affinché queste barbarie verso gli orsi vengano a cessare. Buona fortuna orsacchiotti meravigliosi! BOICOTTIAMO TUTTO CIO’ CHE VIENE DALLA CINA!

    Reply
  • 1 ottobre 2014 at 09:25
    Permalink

    Io ne venni a conoscenza durante la trasmissione alle falde del Kilimangiaro e per me è stato un chiodo fisso, stavo sempre su internet a chiedere notizie e informazioni ed ogni volta mi sentivo stringere la gola, avrei voluto fare qualcosa per poter aiutare questi poteri animaletti che come gli altri esseri viventi non hanno fatto nessun peccato e non hanno nessuna colpa per essere così ……… non lo so’ come definire, non trovo le parole :
    le oche vengono spennate vive per i pimini, i visoni vengono maltrattati per la pelliccia, gli orsi vengono tolti la bile per i prodotti farmaceutici. MA E’ NORMALE TUTTO QUESTO? COPRIRSI DEL SANGUE DI UN ALTRO ESSERE VIVENTE? e poi ci chiamano UMANI!! NO LE BESTIE SIAMO NOI……. perchè tutti questi prodotti: PELLICCE, CREME, PIUMINI E QUANT’ ALTRO si posso avere benissimo anche senza UCCIDERE DEGLI INNOCENTI, siamo peggio di ERODE. Susy

    Reply
  • 1 ottobre 2014 at 09:15
    Permalink

    Io ne venni a conoscenza durante la trasmissione alle falde del Kilimangiaro e per me è stato un chiodo fisso, stavo sempre su internet a chiedere notizie e informazioni ed ogni volta mi sentivo stringere la gola, avrei voluto fare qualcosa per poter aiutare questi poteri animaletti che come gli altri esseri viventi non hanno fatto nessun peccato e non hanno nessuna colpa per essere così ……… non lo so’ come definire, non trovo le parole :
    le oche vengono spennate vive per i pimini, i visoni vengono maltrattati per la pelliccia, gli orsi vengono tolti la bile per i prodotti farmaceutici. MA E’ NORMALE TUTTO QUESTO? COPRIRSI DEL SANGUE DI UN ALTRO ESSERE VIVENTE? e poi ci chiamano UMANI!! NO LE BESTIE SIAMO NOI……. perchè tutti questi prodotti: PELLICCE, CREME, PIUMINI E QUANT’ ALTRO si posso avere benissimo anche senza UCCIDERE DEGLI INNOCENTI, siamo peggio di ERODE.

    Reply
  • 4 settembre 2014 at 13:44
    Permalink

    Sostengo le vostre attività e la vostra battaglia. Vorrei vedere quei poveri musetti liberi e felici…e così come i loro, quelli di tutti i poveri innocenti che muoiono in nome del cibo, dei cosmetici, dei farmaci. Scegliamo di stare dall’altra parte, possiamo.

    Reply
  • 13 dicembre 2013 at 11:24
    Permalink

    Da quando so degli orsi (tre anni circa o poco più) ho destinato il 5 per mille all’associazione. Invio altre piccole cifre se non posso partecipare alle manifestazioni pro orsi che vengono organizzate e cioè mai perché sono sempre a Bologna. Ma devo dire che non mi basta. Vorrei trovare altre persone di Modena con le quali creare iniziative per guadagnare denaro, visto che è l’unico modo per liberare gli orsi. Di loro non riesco nemmeno a guardare quella foto qui sopra che ho velocemente evitato perché mi provoca un’angoscia terribile e un senso d’impotenza logorante.

    Reply
  • 29 novembre 2012 at 10:37
    Permalink

    Il cuore piange per questa atroce barbarie verso tutti gli animali, ma verso questi orsi in particolare per torture malvage, dolorosissime e infinite, che spesso durano tutta la loro vita, una sola vita ridotta in schiavitù. Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te, chiunque sia l’altro essere vivente. Li guardate gli occhi di questi orsi, vedete quanto sono annichiliti e sofferenti, e non provate pietà alcuna. Che Dio abbia pietà di voi aguzzini, animali ignoranti e deficienti. Però al tempo stesso ognuno deve fare il massimo, tutto quello che può per informare più persone possibili, firmare e far firmare più petizioni possibili, donare quello che può per aiutare quegli orsi sottratti ai carnefici. BOICOTTATE TUTTO QUELLO CHE VIENE DALLA CINA, insieme riusciremo a fare sempre qualcosa di più. Non arrendiamoci mai, mai, stringiamo i denti, soffriamo pensando ai nostri orsacchiotti ma DIAMOCI DA FARE. Amo immensamente tutti quelli che amano ogni essere vivente. Buona fortura orsacchiotti meravigliosi.

    Reply
    • 12 settembre 2013 at 15:27
      Permalink

      Parole sante Gabriele,aguzzini bastardi,perfidi e senza cuore .Vi auguro di realizzare quello che state facendo e di impazzire dal dolore.

  • 23 novembre 2012 at 12:56
    Permalink

    Ragazzi,amici degli orsi,L’INDIGNAZIONE PORTA A POCO.AGIRE SUBITO!!! DONAZIONI ANCHE PICCOLE,INFORMAZIONE,DIVULGAZIONE.DIAMOCI DA FARE TUTTI INSIEME.NON LASCIAMO JILL ROBINSON E GLI ORSI DA SOLI

    Reply
  • 22 novembre 2012 at 11:04
    Permalink

    Anch’io sono venuta a conoscenza delle atroci barbarie subite dagli orsi della luna attraverso la trasmissione della Colò,credo che nessuna parola di sdegno possa rendere la portata dell’ingiustizia crudele subita dagli orsi ,motivata solo dalla necessità di creare medicine ,peraltro usate da persone superstiziose quindi tutta questa sofferenza al di là di tutto è inutile.Occorre passare parola il più possibile affinchè più persone possano conoscere questa orrenda verità e tentare di aiutare tutti coloro che già fanno il possibile ogni giorno per liberare gli orsi da una condanna a vivere per soffrire e a non poter neppure morire.Anche oggi al mondo vivono i barbari crudeli e ignoranti .Siamo noi uomini che dovremmo imparare dagli animali il codice del rispetto!!!!!! Iachita

    Reply
  • 22 novembre 2012 at 09:40
    Permalink

    conoscendo le atrocita’ inflitte a quese meravigliose creature sono diventata vegetariana non sopportando le agonie di questi animali e qualsiasi altro essere vivente ogni immagine della loro sofferenza mi fa rabbrivvidire a tutte le bestie umane che agiscono in questo modo contro qualsiasi animale farei a loro cio che si permettono di fare achi non a voce per differdersi ma solo per gridare emulare il dolore inflitto pena di morte a questi bastardi detti umani !!!!!!!!!
    GRAZIE PER CHI COME ME A RISPETTO E AMORE PER OGNI ANIMALE

    Reply
  • 19 novembre 2012 at 16:13
    Permalink

    Ieri sera ho visto sul Kilimangiaro il servizio relativo agli orsi della luna e sono rimasta sconvolta ! Ignoravo compleramente questa barbarie ; non avevo assolutamente idea di cosa l’uomo potesse fare per soddisfare la corsa al profitto. Spero che la voce di tanti serva a far muovere le nazioni affinchè queste pratiche nei confronti di poveri animali inermi possano essere bandite immediatamente e duramente punite.

    Reply
  • 18 novembre 2012 at 19:43
    Permalink

    buonasera, in merito alla trasmissione della Colò, sono venuta a conoscenza dello sfruttamento, sofferenza impartita ai poveri orsi in Cina, lo trovo davvvero scandaloso, un grazie alla signora Jill per tutto l’impegno che sta mettendo, se potessero parlare non sono gli orsi, ma tutti gli animali, saremmo sul rogo noi esseri (umani)????.

    Reply

Rispondi a roberta rigucci Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *