Tragedia in Ucraina – morti tra le fiamme 75 cani

Le macerie del rifugio Italia

Qualcuno, ma sarebbe forse meglio dire qualcosa, ha dato fuoco ieri al rifugio Italia gestito in Ucraina da Andrea Cisternino: 75 cani sono arsi vivi.

Ci vogliono anni di lavoro e fatica per costruire qualcosa di buono e pochi minuti di malvagità e stupidità per uccidere e distruggere un grande progetto.

Ancora una volta è necessario inghiottire le lacrime e rimboccarsi le maniche per ricominciare dalle macerie.

Nell’esprimere tutta la solidarietà e il dolore nostro, e sicuramente del mondo animalista tutto, ad Andrea Cisternino chiudiamo con un messaggio di non-speranza che ci pare tristemente adeguato…

“Se gli uomini fossero così cattivi come si dipingono, sarebbe facile regolarsi. Invece sono peggio.”

Alessandro Morandotti 

Alcuni dei cani sopravvissuti all’incendio doloso
condividi su

One thought on “Tragedia in Ucraina – morti tra le fiamme 75 cani

  • 14 aprile 2015 at 23:04
    Permalink

    E’ disgustoso ciò che è stato fatto a quelle anime innocenti. Non c’è perdono per tanta malvagità ma solo la speranza che quei dannati che si sono macchiati di un crimine tanto grave brucino all’inferno, ma non quello dopo la vita, quello in terra fatto di dolore e sofferenza.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *